fbpx

Integratori alimentari: la valutazione della biorisonanza

Valuta e scegli gli integratori alimentari a te più indicati grazie alla tecnologia quantistica chiamata Biorisonanza, un test personalizzato in grado di analizzare i prodotti che stai assumendo ed eventualmente di identificare l’integratore alimentare specifico più adatto alle tue esigenze.

Cosa sono gli integratori alimentari?

Le linee guida del Ministero della Salute definiscono gli integratori come: “prodotti alimentari destinati ad integrare la comune dieta e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive, quali le vitamine e i minerali, o di altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico, in particolare, ma non in via esclusiva, aminoacidi, acidi grassi essenziali, fibre ed estratti di origine vegetale, sia monocomposti che pluricomposti, in forme predosate”

Perché sempre più persone utilizzano gli integratori alimentari?

In base agli studi sulla qualità degli alimenti che vediamo sulle nostre tavole, si è evidenziata la necessità di integrare quanto da noi assunto nella dieta quotidiana a causa della diminuzione di nutrienti presenti nei cibi e nelle bevande che consumiamo.

Come valutare l’integratore alimentare?

La prima indicazione nasce sempre e comunque dallo studio dei vari prodotti presenti sul mercato, valutando l’azienda produttrice, le certificazioni ottenute per poi considerare le sostanze nutritive contenute ed il mezzo utilizzato per la loro veicolazione (esempio una pillola rispetto ad un liquido oppure ad un gel). Sapete, gli integratori alimentari non sono soggetti ai controlli riservati alla produzione dei farmaci, quindi, paradossalmente, sotto alcuni aspetti io sfaterei la diceria che “tanto male non fanno”!!!!

La seconda indicazione può arrivare dalla Biorisonanza, un’innovativa tecnologia quantistica che misura le frequenze elettromagnetiche emesse dal corpo umano e quelle emesse da qualsiasi prodotto.

 

La Biorisonanza e l’integratore, perché?

Grazie alla Biorisonanza è possibile sottoporsi ad una prima valutazione chiamata BiTop (Bioresonance Top on Product), utilizzando la quale possiamo scoprire il nostro Indice di Performance Personale BiTop e cioè quanto quell’integratore alimentare specifico interagisce con noi.

Sulla base di 22 aree di indagine (ad esempio fegato, polmoni,…), possiamo verificare quanto il prodotto in interazione incrementi oppure decrementi l’equilibrio energetico nelle suddette aree. Da un punto di vista energetico potremmo immaginare queste 22 aree come 22 linee di alta tensione nelle quali scorre corrente elettrica: l’interazione con il prodotto in oggetto potrà incrementare o decrementare la quantità di energia circolante in ognuno delle 22 linee con una conseguente ottimizzazione o diminuzione dell’irrorazione energetica specifica.

Come avviene la valutazione dell’integratore (BiTOP) con la Biorisonanza

La valutazione dura venti minuti circa. Il soggetto viene collegato alla Biorisonanza attraverso gli elettrodi frontali e periferici. Dopo la calibrazione è possibile valutare l’Indice di Performance Personale BiTop tra i vari integratori ed il soggetto collegato. L’unica accortezza sarà di portare con sè un campione di tutti gli integratori che si vogliono far interagire. Il report: come si evince dal Rerport i 3 prodotti assunti dall’individuo hanno un basso indice di prestazione (7,2,3) se confrontati con il valore massimo (53). Non solo, tutti e 3 mettono in sofferenza alcune aree energetiche, i semafori rossi.

 

Come scegliere l’integratore più adatto con la Biorisonanza

Sempre grazie all’uso della Biorisonanza, ad un secondo livello di valutazione (BiTest), è possibile individuare l’integratore che risulta essere più performante nell’ottimizzazione di un Meridiano Energetico piuttosto che di qualsiasi area di indagine che si sia rivelata in disequilibrio durante il test di Biorisonanza.

Nella prima fase si effettua il test della Biorisonanza completo per individuare le eventuali aree energetiche che l’individuo ha in disequilibrio; successivamente l’interazione con le frequenze elettromagnetiche degli integratori consente di selezionare quello o quegli integratori più idonei a normalizzare le specifiche aree in disequilibrio.

Il report evidenzia la presenza di aree in disequilibrio, sono quelle evidenziate in rosso (Triplice riscaldatore, Cuore, Fegato). I prodotti assunti non solo creano disequilibrio in altre aree d’indagine (è il caso del Prodotto n. 1) ma incrementano il disequilibrio in quelle già in sofferenza (è il caso del prodotto n. 2).

La presenza nel database delle frequenze elettromagnetiche di numerosi integratori consente di selezionare e quindi suggerire quello in grado di normalizzare le arre energetiche compensando gli effetti degli altri prodotti assunti.

Grazie al BiTest molte persone sono riuscite ad ottimizzare la propria performance ed il proprio benessere grazie ad una scelta oculata dei prodotti a loro più congeniali. Durata del test: 1 ora.

La scienza avanza, le tecnologie seguono, le nostre abitudini cambiano. A presto. Scopri il progetto WellnessQP.

Chiedi informazioni a riguardo

7 + 9 =